La scoperta effettuata nell’ottobre del 2013 dai ricercatori del CNR di Bari della presenza del batterio denominato Xilella fastidiosa negli alberi di olivo del Salento ha avuto come conseguenza l’adozione di drastici provvedimenti dell’Unione europea e del governo nazionale prescrittivi, tra l’altro, dell’estirpazione di migliaia di piante infette anche secolari. Esattamente come accaduto un secolo e mezzo fa quando la viticoltura europea venne colpita dalla Phylloxera vastatrix e la prima risposta fu quella del taglio dei ceppi e del fuoco ...

.. Continua

Le condizioni igienico-sanitarie a Castelbuono nel 1892  La riforma sanitaria nazionale del 1888 voluta dal governo Crispi - sia pure con diversi decenni di ritardo rispetto ad altri Stati europei - contemplava l'organizzazione dei servizi sanitari e di quanto riguardasse l'esercizio delle professioni sanitarie, la profilassi umana e zooiatrica, l'igiene alimentare nonché quella del suolo e dell'abitato. La riforma prevedeva, inoltre, che ogni comune avesse un ufficiale sanitario di nomina prefettizia il quale, fra le altre cose, era tenuto, mediante articolate relazioni ...

.. Continua

La Medicina popolare siciliana, uno dei lavori più significativi di Giuseppe Pitrè, pubblicato nel 1896 come XIX volume della Biblioteca delle tradizioni popolari siciliane, è – fra tutti i lavori del demopsicologo palermitano – quello che contiene i più consistenti contributi relativi a tradizioni di Castelbuono. Ciò non è casuale, soprattutto se si tiene conto del fatto – come Pitré stesso osserva – che «se vi è un genere di tradizioni popolari che esige un raccoglitore tecnico, questo è certamente ...

.. Continua